HOME

 Newsletter


       


 Contatti





Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03


 Esponi





Sfoglia


Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03  




ART G.A.P. GALLERY
Modern & Contemporary Art
Via San Francesco a Ripa, 105/a
00153 - Roma - RM
Tel: 06.9360201
Fax: +391782742871
E-mail:
P. Iva 11254831008

eventi futuri

13 gennaio 2020 | eventi futuri

LE ORME SULL’ACQUA, personale di Gilda Pantuliano

Da sabato 25  a venerdì 31 gennaio, presso la Galleria ART G.A.P., in Via San Francesco a Ripa 105/a, Roma, LE ORME SULL’ACQUA, personale di Gilda Pantuliano a cura di Federica Fabrizi.

 

TIPOLOGIA: Mostra personale

INAUGURAZIONE: sabato 25 gennaio  2020 ore 18.30

DATE: dal 25 gennaio –  al 31 gennaio 2020 

LUOGO: ART G.A.P. Gallery (ROMA)

CURATORE: Federica Fabrizi

ARTISTA: Gilda Pantuliano

La galleria Art Gap è lieta di accogliere, dal 25 al 30 gennaio 2020, la mostra personale, Le orme sull’acqua, di Gilda Pantuliano a cura di Federica Fabrizi. La rassegna verrà inaugurata il 25 gennaio 2020 alle ore 18:30.

 

Gilda Pantuliano, artista emergente salernitana, debutta nel 2018 nel mondo dell’arte partecipando alla digital exhibition, Mare Nostrum – suggestioni dall’ inconscio, presso gli Arsenali di Amalfi (SA). Da quel momento in poi, inizia ha collezionare numerosi e prestigiosi riconoscimenti internazionali: il primo premio della critica internazionale al concorso Arte Salerno 2018 – International Art Prize; il premio pubblico al concorso NowArt Salerno; il primo premio al concorso Mare Motus – approdi dell’anima; il primo premio Iside al concorso Iside International Art Prize, nella sezione fotografia e grafica. Inoltre, ha esposto i suoi lavori sia in Italia che all’estero (Salerno, Lecce, Amburgo, Parigi, Spagna…).

 

Gilda Pantuliano, presenta sedici fotografie della serie Le orme sull’acqua e tre fotografie inedite della serie Il lessico dell’anima. Il filo conduttore nei suoi lavori è l’amore sconfinato verso il mare «è qualcosa da cui non puoi scappare, il mare; il mare chiama, non smette mai, ti entra dentro, ce l’hai addosso» (A. Baricco). Osservando le opere, emerge la sua indole visionaria, complicata, intuitiva con il bisogno di esplorare il proprio inconscio alla ricerca di emozioni sempre diverse. L’artista campana utilizza una tecnica borderline tra la fotografia e l’arte digitale, quest’ultima limitata in post-produzione ad interventi di viraggio di colore, ritagli, sovrapposizione di elementi e specchiature. Il risultato finale è un collage fotografico digitale.

Nella serie Le orme sull’acqua, Gilda Pantuliano, riflette sulle nefaste conseguenze del comportamento umano sull’ambiente marino, concentrandosi sui fenomeni della sovrapesca, della pesca con le reti a strascico e della pesca fantasma: gravi minacce per salute dei mari. In post-produzione, l’artista, sublima l’immagine delle reti fino a spezzare il legame tra il soggetto reale e la sua rappresentazione. In questo modo, arriva nella dimensione liquida della sua mente, dove un filo può creare anche una figura antropomorfa o zoomorfa, ispirata alla mitologia. Il messaggio che vuole trasmettere è quello di gestire con saggezza le risorse che il pianeta Terra ci ha donato, in quanto non infinite ed in precario equilibrio… Il mare di cui ci parla è anche e soprattutto il suo mare interiore, il mare del non dicibile di Calvino. Qui dimorano le sue emozioni, che sapientemente fa emergere trasmettendole all’osservatore. Tutti questi fili creano delle forme che appaiono apparentemente astratte ma come in un test di Rorschach, il fruitore scorge figure e simbolismi affini alla sua interiorità o si lascia guidare dalle suggestioni suggerite dal titolo dell’opera.

 

Nella serie Il lessico dell’anima, prettamente digitale, la sostanza fotografica si dissolve fino ad assumere una valenza pittorica. Il segno sinuoso e le linee curve policromatiche nel loro accostamento creano le superfici.

L’arte è il mio Altrove, nel quale mi rifugio per trovare la mia pace interiore.


sviluppo e realizzazione grafica a cura di Raffaele Verna