HOME

 Newsletter


       


 Contatti





Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03


 Esponi





Sfoglia


Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03  




ART G.A.P. GALLERY
Modern & Contemporary Art
Via San Francesco a Ripa, 105/a
00153 - Roma - RM
Tel: 06.9360201
Fax: +391782742871
E-mail:
P. Iva 11254831008

ANALISI PER LA DIAGNOSTICA ARTISTICA

 

L’analisi morfologica e stratigrafica di un’opera d’arte, la sua datazione e la tecnica con la quale è stata eseguita sono passi fondamentali per la valorizzazione della stessa. La moderna diagnostica artistica permette, attraverso indagini scientifiche, di circostanziare con precisione la natura del manufatto, anche nella profondità di ciò che non si può scorgere a occhio nudo. Le analisi diagnostiche, dunque, sono il primo passo per comprendere l’origine, la cronologia e lo stato di conservazione di un’opera d’arte.

 

DIAGNOSTICA ARTISTICA

Durante l’esecuzione di un dipinto, è spesso probabile che un artista, antico o moderno, abbia fatto qualche errore, qualche aggiustamento corretto in corso d’opera, oppure cambiato parte della composizione; queste variazioni, tecnicamente definite pentimenti, rimangono come traccia al di sotto della superficie del dipinto, per sempre coperte dalla realizzazione finale. Attraverso la diagnostica artistica è possibile osservare ciò che è dipinto sotto la superficie pittorica senza distruggerla; le analisi diagnostiche permettono, più in generale, di circoscrivere la datazione di realizzazione, individuare restauri, rivelare falsificazioni, capire i materiali compositivi e lo stato di conservazione non solo nei dipinti, ma anche nelle sculture metalliche e lapidee, nella cultura materiale fittile o, in generale organica, etc.

 

I NOSTRI RISULTATI

Durante gli anni di attività, abbiamo analizzato manufatti artistici di ogni orizzonte cronologico e culturale, dall’arte contemporanea alle opere pittoriche di Old Masters, dalla cultura materiale fittile, a disegni su carta. Siamo consulenti di collezioni pubbliche e private e di varie società di detenzione e conservazione di preziosi e opere d’arte per le quali forniamo analisi diagnostiche e condition report.

 

METODOLOGIE

Un’indagine diagnostica completa prevede una prima fase qualitativa che contempla una serie di tecniche diagnostiche per immagini. Ogni tecnica diagnostica per immagini restituisce un’informazione diversa e complementare all’altra e guida le indagini puntuali (locali) necessarie per identificare i materiali impiegati dall’artista (leganti, pigmenti e coloranti).

 

  • Indagini Qualitative Non Invasive

La diagnostica per immagini consiste in una serie di immagini digitali della stessa area del dipinto utilizzando come fonte di irraggiamento luministico radiazioni di diversa lunghezza d’onda. Ogni immagine è creata dall'interazione tra il fascio di radiazione elettromagnetica e il film stratigrafico del dipinto. I tipi di radiazioni utilizzate sono: radiazione luminosa nel campo visibile (VIS), radiazione infrarossa (IR) e radiazione ultravioletta (UV).

Le radiazioni IR e UV, diverse dalla luce visibile, ci consentono di rivelare caratteristiche non osservabili a occhio nudo che possono fornire informazioni sulla tecnica e sui materiali pittorici (pigmenti e leganti) presenti nell'area studiata.

 

  • Indagini Puntuali Non Invasive

l'indagine microscopica (eseguita con un fattore di ingrandimento da 20x a 50x) consente di valutare la coerenza tra la tecnica pittorica o plastica e la presunta datazione dell'opera d'arte (nella pittura a olio la craquelure appare tra 90 e 120 anni), la coerenza della firma (che deve avere lo stesso tipo di craquelure degli strati sottostanti) e la tipologia del ductus delle pennellate. L’analisi spettroscopica, UV e XRF, consente di identificare i coloranti e i pigmenti utilizzati.

 

  • Indagini Puntuali Invasive

Piccoli prelievi della superficie pittorica (non particolarmente visibili a occhio nudo), analizzati attraverso indagini chimiche, consentono non solo di puntualizzare con certezza i materiali compositivi del film pittorico (leganti, coloranti e pigmenti) o della materia plastica, ma anche di visualizzare la stratigrafia pittorica e dedurre informazioni non visibili a occhio nudo sulla tecnica pittorica.


PROCEDURE

La nostra strumentazione può essere trasportata, quindi il committente dell’indagine può decidere di non far recapitare l’opera nei nostri laboratori ma di far eseguire le analisi nel luogo dove abitualmente il manufatto viene conservato. A seconda delle analisi richieste, l’indagine diretta sul manufatto può essere condotta in una quantità di tempo che va dalle due ore all’intera giornata lavorativa. L’elaborazione dei dati raccolti sul campo viene effettuata in laboratorio e consegnata entro un massimo di 30 giorni lavorativi dalla data dell’indagine. Il dossier che viene consegnato consta di due parti: il referto cartaceo nel quale vengono spiegate le procedure e i risultati ottenuti, un supporto digitale nel quale vengono archiviate le immagini ad alta risoluzione effettuate sull’opera d’arte.


sviluppo e realizzazione grafica a cura di Raffaele Verna