HOME

 Newsletter


       


 Contatti





Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03


 Esponi





Sfoglia


Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03  




ART G.A.P. GALLERY
Modern & Contemporary Art
Via San Francesco a Ripa, 105/a
00153 - Roma - RM
Tel: 06.9360201
Fax: +391782742871
E-mail:
P. Iva 11254831008

Editoriale

18 ottobre 2019 | Editoriale

CONCORDIA DISCORS Le molte anime della geometria

ArtGAP è lieta di accogliere nei suoi spazi CONCORDIA DISCORS Le molte anime della geometria bipersonale di Usama Saad e Susanna Doccioli, a cura di Gianluca Tedaldi 

Sabato 19 ottobre, presso la Galleria Art G.A.P. di Roma, verrà inaugurata la mostra bipersonale di Usama Saad e Susanna Doccioli.

 

Art G.A.P. Gallery è lieta accogliere nei suoi spazi la mostra bi-personale di Usama Saad e Susanna Doccioli a cura di Gianluca Tedaldi.

 

Non è la prima volta che Usama Saad e Susanna Doccioli espongono il proprio lavoro insieme, per questo è nata in modo naturale dall’amico e curatore Gianluca Tedaldi l’idea di questa mostra bipersonale.

 

 

L'assonanza che emerge nei due mondi che troviamo accostati non è uguaglianza: la traccia sintetica, stilizzata, di Usama racconta un'idea definita e una progettazione quasi teologica ispirata da un credo assoluto. Una sintesi espressiva che prende quasi la forma di una preghiera. Il suo lavoro è frutto di una tecnica sperimentale di incisione che utilizza la vibrazione sonora di varie lunghezze d'onda e la gravità terrestre (cioè l'oscillazione del pendolo). Susanna produce invece un segno dinamico definito dal desiderio: il segno preciso della vibrazione interiore. La sua non è geometria di una sintesi del segno, ma piuttosto una reiterazione della forma. In questa diversità esistono delle assonanze: il segno specchiato di Usama (un principio che potremmo definire di "moltiplicazione") e la forma col suo gioco mistico in Susanna (ovvero la "vibrazione" emozionata e allusiva). L'uno opera con pari disinvoltura nella calcografia e con il linoleum, Susanna crea la sua opera soprattutto attraverso la xilografia e le tecniche di stampa a rullo, sperimentando materiali e trasparenze ai quali, ancora, aggiunge con tagli e pieghe che creano vuoti che a volte sono pieni (ovvero i pop-up). Entrambi accolgono nella loro riproduzione gli spunti per una conquista dello spazio reale, in tanti modi: dal gioco fra rilievo e stesura piatta fino alla realizzazione di una struttura scenografica che attira/accoglie lo sguardo altrui nel proprio gioco interiore.

 

 

La mostra rimarrà aperta fino al 25 ottobre.

 

facebook

Sabato 19 ottobre, presso la Galleria Art G.A.P. di Roma, verrà inaugurata la mostra bipersonale di Usama Saad e Susanna Doccioli.

 

Art G.A.P. Gallery è lieta accogliere nei suoi spazi la mostra bi-personale di Usama Saad e Susanna Doccioli a cura di Gianluca Tedaldi.

 

Non è la prima volta che Usama Saad e Susanna Doccioli espongono il proprio lavoro insieme, per questo è nata in modo naturale dall’amico e curatore Gianluca Tedaldi l’idea di questa mostra bipersonale.

 

L'assonanza che emerge nei due mondi che troviamo accostati non è uguaglianza: la traccia sintetica, stilizzata, di Usama racconta un'idea definita e una progettazione quasi teologica ispirata da un credo assoluto. Una sintesi espressiva che prende quasi la forma di una preghiera. Il suo lavoro è frutto di una tecnica sperimentale di incisione che utilizza la vibrazione sonora di varie lunghezze d'onda e la gravità terrestre (cioè l'oscillazione del pendolo). Susanna produce invece un segno dinamico definito dal desiderio: il segno preciso della vibrazione interiore. La sua non è geometria di una sintesi del segno, ma piuttosto una reiterazione della forma. In questa diversità esistono delle assonanze: il segno specchiato di Usama (un principio che potremmo definire di "moltiplicazione") e la forma col suo gioco mistico in Susanna (ovvero la "vibrazione" emozionata e allusiva). L'uno opera con pari disinvoltura nella calcografia e con il linoleum, Susanna crea la sua opera soprattutto attraverso la xilografia e le tecniche di stampa a rullo, sperimentando materiali e trasparenze ai quali, ancora, aggiunge con tagli e pieghe che creano vuoti che a volte sono pieni (ovvero i pop-up). Entrambi accolgono nella loro riproduzione gli spunti per una conquista dello spazio reale, in tanti modi: dal gioco fra rilievo e stesura piatta fino alla realizzazione di una struttura scenografica che attira/accoglie lo sguardo altrui nel proprio gioco interiore.

Sabato 19 ottobre, presso la Galleria Art G.A.P. di Roma, verrà inaugurata la mostra bipersonale di Usama Saad e Susanna Doccioli.

 

Art G.A.P. Gallery è lieta accogliere nei suoi spazi la mostra bi-personale di Usama Saad e Susanna Doccioli a cura di Gianluca Tedaldi.

 

Non è la prima volta che Usama Saad e Susanna Doccioli espongono il proprio lavoro insieme, per questo è nata in modo naturale dall’amico e curatore Gianluca Tedaldi l’idea di questa mostra bipersonale.

 

L'assonanza che emerge nei due mondi che troviamo accostati non è uguaglianza: la traccia sintetica, stilizzata, di Usama racconta un'idea definita e una progettazione quasi teologica ispirata da un credo assoluto. Una sintesi espressiva che prende quasi la forma di una preghiera. Il suo lavoro è frutto di una tecnica sperimentale di incisione che utilizza la vibrazione sonora di varie lunghezze d'onda e la gravità terrestre (cioè l'oscillazione del pendolo). Susanna produce invece un segno dinamico definito dal desiderio: il segno preciso della vibrazione interiore. La sua non è geometria di una sintesi del segno, ma piuttosto una reiterazione della forma. In questa diversità esistono delle assonanze: il segno specchiato di Usama (un principio che potremmo definire di "moltiplicazione") e la forma col suo gioco mistico in Susanna (ovvero la "vibrazione" emozionata e allusiva). L'uno opera con pari disinvoltura nella calcografia e con il linoleum, Susanna crea la sua opera soprattutto attraverso la xilografia e le tecniche di stampa a rullo, sperimentando materiali e trasparenze ai quali, ancora, aggiunge con tagli e pieghe che creano vuoti che a volte sono pieni (ovvero i pop-up). Entrambi accolgono nella loro riproduzione gli spunti per una conquista dello spazio reale, in tanti modi: dal gioco fra rilievo e stesura piatta fino alla realizzazione di una struttura scenografica che attira/accoglie lo sguardo altrui nel proprio gioco interiore.


sviluppo e realizzazione grafica a cura di Raffaele Verna