HOME

 Newsletter


       


 Contatti





Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03


 Esponi





Sfoglia


Acconsento al trattamento dei dati personali D.lgs. 196 30/6/03  




ART G.A.P. GALLERY
Modern & Contemporary Art
Via San Francesco a Ripa, 105/a
00153 - Roma - RM
Tel: 06.9360201
Fax: +391782742871
E-mail:
P. Iva 11254831008

Editoriale

15 novembre 2019 | Editoriale

ECHI CONTEMPORANEI

ArtGAP è lieta di accogliere nei suoi spazi  ECHI CONTEMPORANEI, performance musicale a cura di Pasquale Sabatelli, venerdì 22 novembre con le musiche di Massimo Massimi e Cristiana Colaneri 

Venerdì 22 novembre dalle 15.30 alle 19.30, la Galleria Art G.A.P. di Roma, accoglierà nei suoi spazi la performance musicale ECHI CONTEMPORANEI curata da Pasquale Sabatelli con le musiche di Massimo Massimi e Cristiana Colaneri, presenti in sala.


L’evento-performance che viene proposto in questa occasione è sicuramente di difficile definizione: una proposta di ascolto personale, rivolta a chiunque desideri lasciarsi coinvolgere a diversi livelli da riferimenti sonori che sono strettamente legati alla composizione acusmatica, cioè alla non presenza fisica e diretta di esecutori di strumenti acustici; l’elettronica assumerà un ruolo rilevante nell’elaborazione e nello sviluppo del materiale sonoro. Anche lo spazio, diverso dalla classica sala da concerto, renderà possibile e necessario un differente modo di fruizione delle creazioni musicali; ognuno potrà “inventare” un personale metodo di ascolto ed interagire in varia misura con le opere proposte dai compositori: i modi per effettuare tali interazioni verranno indicati e chiariti durante l’evento stesso, lasciando spazio anche alla libera fantasia dei fruitori, entro, ovviamente, determinati limiti di aleatorietà controllata dagli autori.

 

L’evento è una sorta di ricerca e “divertissement” nell’ambito del linguaggio musicale, dell’esplorazione e della scoperta dello  spazio sonoro e delle strutture che possono guidare ed essere alla base del pensiero compositivo. Il fruitore che desideri partecipare attivamente potrà anche lasciarsi coinvolgere in semplici “esperimenti” personali che aiutino a perseguire tali scopi. Ognuno, insomma, con un ascolto attento, diventa in un certo modo “compositore” dell’opera di cui è fruitore e che può così essere sempre “in divenire”.

Ringraziamo Alessandro De Santis (alla tromba), per la sua cortese e generosa collaborazione nella preparazione delle tracce registrate.


sviluppo e realizzazione grafica a cura di Raffaele Verna